[phpBB Debug] PHP Warning: in file [ROOT]/includes/bbcode.php on line 483: preg_replace(): The /e modifier is no longer supported, use preg_replace_callback instead
[phpBB Debug] PHP Warning: in file [ROOT]/includes/bbcode.php on line 483: preg_replace(): The /e modifier is no longer supported, use preg_replace_callback instead
[phpBB Debug] PHP Warning: in file [ROOT]/includes/bbcode.php on line 483: preg_replace(): The /e modifier is no longer supported, use preg_replace_callback instead
[phpBB Debug] PHP Warning: in file [ROOT]/includes/bbcode.php on line 483: preg_replace(): The /e modifier is no longer supported, use preg_replace_callback instead
[phpBB Debug] PHP Warning: in file [ROOT]/includes/bbcode.php on line 483: preg_replace(): The /e modifier is no longer supported, use preg_replace_callback instead
[phpBB Debug] PHP Warning: in file [ROOT]/includes/bbcode.php on line 483: preg_replace(): The /e modifier is no longer supported, use preg_replace_callback instead
[phpBB Debug] PHP Warning: in file [ROOT]/includes/bbcode.php on line 483: preg_replace(): The /e modifier is no longer supported, use preg_replace_callback instead
[phpBB Debug] PHP Warning: in file [ROOT]/includes/bbcode.php on line 483: preg_replace(): The /e modifier is no longer supported, use preg_replace_callback instead
[phpBB Debug] PHP Warning: in file [ROOT]/includes/bbcode.php on line 483: preg_replace(): The /e modifier is no longer supported, use preg_replace_callback instead
[phpBB Debug] PHP Warning: in file [ROOT]/includes/bbcode.php on line 483: preg_replace(): The /e modifier is no longer supported, use preg_replace_callback instead
[phpBB Debug] PHP Warning: in file [ROOT]/includes/bbcode.php on line 483: preg_replace(): The /e modifier is no longer supported, use preg_replace_callback instead
[phpBB Debug] PHP Warning: in file [ROOT]/includes/bbcode.php on line 483: preg_replace(): The /e modifier is no longer supported, use preg_replace_callback instead
[phpBB Debug] PHP Warning: in file [ROOT]/includes/bbcode.php on line 483: preg_replace(): The /e modifier is no longer supported, use preg_replace_callback instead
[phpBB Debug] PHP Warning: in file [ROOT]/includes/bbcode.php on line 483: preg_replace(): The /e modifier is no longer supported, use preg_replace_callback instead
[phpBB Debug] PHP Warning: in file [ROOT]/includes/bbcode.php on line 483: preg_replace(): The /e modifier is no longer supported, use preg_replace_callback instead
[phpBB Debug] PHP Warning: in file [ROOT]/includes/bbcode.php on line 483: preg_replace(): The /e modifier is no longer supported, use preg_replace_callback instead
[phpBB Debug] PHP Warning: in file [ROOT]/includes/bbcode.php on line 483: preg_replace(): The /e modifier is no longer supported, use preg_replace_callback instead
[phpBB Debug] PHP Warning: in file [ROOT]/includes/bbcode.php on line 483: preg_replace(): The /e modifier is no longer supported, use preg_replace_callback instead
[phpBB Debug] PHP Warning: in file [ROOT]/includes/bbcode.php on line 483: preg_replace(): The /e modifier is no longer supported, use preg_replace_callback instead
[phpBB Debug] PHP Warning: in file [ROOT]/includes/bbcode.php on line 483: preg_replace(): The /e modifier is no longer supported, use preg_replace_callback instead
[phpBB Debug] PHP Warning: in file [ROOT]/includes/bbcode.php on line 483: preg_replace(): The /e modifier is no longer supported, use preg_replace_callback instead
[phpBB Debug] PHP Warning: in file [ROOT]/includes/bbcode.php on line 483: preg_replace(): The /e modifier is no longer supported, use preg_replace_callback instead
[phpBB Debug] PHP Warning: in file [ROOT]/includes/bbcode.php on line 483: preg_replace(): The /e modifier is no longer supported, use preg_replace_callback instead
[phpBB Debug] PHP Warning: in file [ROOT]/includes/bbcode.php on line 483: preg_replace(): The /e modifier is no longer supported, use preg_replace_callback instead
[phpBB Debug] PHP Warning: in file [ROOT]/includes/bbcode.php on line 483: preg_replace(): The /e modifier is no longer supported, use preg_replace_callback instead
[phpBB Debug] PHP Warning: in file [ROOT]/includes/bbcode.php on line 483: preg_replace(): The /e modifier is no longer supported, use preg_replace_callback instead
[phpBB Debug] PHP Warning: in file [ROOT]/includes/functions.php on line 4688: Cannot modify header information - headers already sent by (output started at [ROOT]/includes/functions.php:3823)
[phpBB Debug] PHP Warning: in file [ROOT]/includes/functions.php on line 4690: Cannot modify header information - headers already sent by (output started at [ROOT]/includes/functions.php:3823)
[phpBB Debug] PHP Warning: in file [ROOT]/includes/functions.php on line 4691: Cannot modify header information - headers already sent by (output started at [ROOT]/includes/functions.php:3823)
[phpBB Debug] PHP Warning: in file [ROOT]/includes/functions.php on line 4692: Cannot modify header information - headers already sent by (output started at [ROOT]/includes/functions.php:3823)
Forum Movimento Avellino Cinque Stelle • Leggi argomento - L' open source e le PA - I casi di successo

L' open source e le PA - I casi di successo

I membri: Giuseppina De Guglielmo, Mario Festa, Piero Langastro, Giuseppe Martorano, Nicoletta Ricciardelli, Gerardo Serino.

L' open source e le PA - I casi di successo

Messaggioda g.deguglielmo » aprile 16th, 2013, 1:01 am

Il 10/06/2012 il “” pubblica un' inchiesta sulla spesa della pubblica amministrazione per licenze software che ben sintetizza la situazione italiana rispetto al codice libero. Il totale pagato direttamente alla Microsoft per le licenze ammonta a 40 milioni di euro all’ anno, senza contare i 12,6 milioni di euro per le licenze Office acquistate da Fujitsu.
Già nel lontano 2003, Assinform stimava una spesa globale in ICT pari a 3 miliardi di euro (1,7 per quella centrale, 1,2 per la periferica) di cui circa 675 milioni in software con licenza.

Il Comune di Bologna 2006-2010
I risultati sono evidenti: se nel 2006 l’Amministrazione spendeva 565mila euro l’anno per l’acquisto di licenze, dopo quattro anni il costo si è ridotto a 400mila euro, con la rimozione di software a pagamento in 2.000 macchine. Ad esempio, soltanto per l’utilizzo di Microsoft Office, il Comune metteva nelle spese di bilancio 200 euro annuali per pc. E anche se sono stati spesi 20mila euro l’anno in costi di assistenza e 10mila euro in quelli di formazione, spiega l’ingegner Massimo Carnevali, capofila tecnico del progetto, quei soldi «non sono andati a Bill Gates ma ad aziende del territorio, specializzate in open source».
I vantaggi non sono da valutare solamente in termini economici, ma anche per quanto riguarda l’efficienza. «Utilizzare un codice aperto ci ha permesso di personalizzare i programmi rendendo più fluido il lavoro dei dipendenti dell’amministrazione, e quindi migliorando il rapporto con il cittadino. Ad esempio - spiega Carnevali - abbiamo inserito un’icona nel programma di scrittura che
permette di allegare il documento su cui si sta lavorando all’interno di un messaggio di posta da inviare».
Il processo di migrazione è durato fino al 2010. Ora sulle 3.400 postazioni computer del Comune, ben 2.000 utilizzano esclusivamente Open Office, mentre sulle rimanenti 1.400 sono installati sia Microsoft Office che l’alternativa open source.
I risultati sono così importanti da essere un modello nazionale. secondo la comunità del Software Libero. E sono stati presentati all’OpenOffice.org International Conference.

Il Comune di Grosseto – Ottobre 2011
Utilizzare programmi liberi significa, a grandi linee, assicurare alle casse comunali di Grosseto una cifra che limitatamente agli strumenti di gestione e controllo delle procedure si aggira intorno ai 300mila euro annui. Si tratta di una cifra che include infatti i costi per il sistema operativo di cui sono dotati i circa 40 server della sala macchine del Servizio elaborazioni dati, le spese per l'antivirus, così come per i database, i programmi di gestione, lo sviluppo di software, i linguaggi di programmazione. Ma anche per l'acquisto delle licenze dei pacchetti office dei pc del personale dell'Ente (si parla di 550 personal computer installati in tutte le sedi comunali). Il Sindaco Emilio Bonifazi
Oltre ai vantaggi prettamente economici, l'amministrazione comunale ha deciso di sposare la filosofia dell'Open source anche tenendo ben presente l'aspetto relativo alla facilità di fruizione del software libero, alla possibilità di interagirvi da parte di chiunque, all'interscambialità dei dati e ancora all'alto livello di affidabilità e sicurezza. “Molti sono i vantaggi che derivano da questi programmi; pensiamo anche a tutte le questioni legati alla privacy e alla sicurezza dei dati, alla lotta al fenomeno della cosiddetta pirateria – spiega l'assessore all'Innovazione, Luca Ceccarelli –.
Ecco alcuni numeri e dati sul risparmio per l'Ente La sala macchine del Sed è dotata di circa 40 server con sistema operativo Linux. Prevalentemente sono utilizzate le distribuzioni Debian e Ubuntu. Se il Comune utilizzasse il sistema operativo Microsoft Windows Vista Business, al prezzo unitario di circa 421 euro, per il totale delle macchine spenderebbe 16.840 euro. A questi si dovrebbero aggiungere altri 1000 euro annui per l'antivirus e 15mila euro per l'utilizzo di database. Per virtualizzare i server si utilizza Xen, cosa questa che permette di abbattere il costo di un software commerciale medio per circa 10mila all'anno. Sui pc dei dipendenti del Comune di Grosseto (una stima di circa 550 pc) è installato Openoffice.org come programma di office automation. Il risparmio rispetto all'acquisto di licenze di Microsoft Office 2007 Small Business è il seguente: 468 euro x 550 = 257mila e 400 euro.

Il Comune di Modena -2012
Nella sala macchine del Settore sistemi informativi a farla da padrone sono i server Linux, il software non protetto da licenze a pagamento che può essere sviluppato e modificato a seconda dell'esigenze dell'ente. Il grande balzo in avanti è stata la sostituzione, avvenuta due anni fa, del calcolatore centrale della macchina comunale con un server con sistema operativo Linux, operazione che ha consentito al Comune di risparmiare 478 mila euro nel secondo semestre del 2008, oltre 730mila euro nel 2009 e oltre 810 mila nel 2010. Inoltre, è in corso una progressiva sostituzione di Microsoft Office con Open Office nelle 1600 postazioni pc all'interno del Comune. Il processo, che ha per ora interessato 1125 utenti, ha già consentito di risparmiare oltre 300 mila euro e sarà ultimato nel 2011, quando il risparmio sarà quantificabile in 400 mila euro.

"Per sostenere il personale nel cambiamento abbiamo aperto un apposito spazio nell'intranet aziendale e organizziamo numerosi corsi di formazione già seguiti da oltre 750 utenti", spiega l'assessore alle Risorse umane e strumentali del Comune di Modena, Marcella Nordi. "I prodotti Open Source, oltre a consentire rilevanti risparmi, offrono inoltre un livello ottimale di efficienza e funzionalità garantito dall'assistenza e dalla manutenzione svolta quasi interamente da personale interno", precisa l'assessore.

L'Amministrazione ha inoltre scelto di utilizzare il sistema di gestione documentale Open Alfresco per raccogliere e conservare tutti i documenti; in questa prima fase è il sistema è stato collegato al protocollo informatico e gestirà l'archivio paghe del personale e l'anagrafe degli immobili del Comune consentendo di risparmiare altri 30 mila euro.

Il primo utilizzo di tecnologie Open risale addirittura al 1995 con i servizi web e la posta elettronica della rete civica, ma è dal 2000 che l'Amministrazione comunale utilizza l'Open Source nel software di base come sistemi operativi, data base, applicativi web, sistemi di gestione delle autenticazioni. Nel luglio 2008 il calcolatore centrale, un Ibm con sistema operativo z/OS, è stato spento per lasciare posto al nuovo server Linux. In questi giorni, nella sala macchine del Comune, si è spento anche l'ultimo server Sun con sistema operativo Unix Solaris.
Il Comune sta valutando ora la possibilità di utilizzare software Open anche per sostituire le centrali telefoniche Telecom, il cui contratto di leasing scade a fine anno.
Giuseppina De Guglielmo
g.deguglielmo
Site Admin
 
Messaggi: 54
Iscritto il: aprile 4th, 2013, 1:55 am

Re: L' open source e le PA - I casi di successo

Messaggioda Gerardo Serino » aprile 16th, 2013, 10:26 am

Salve a tutti ....

a mio parere se chiamo l'idraulico per aggiustare il lavandino lui deve essere pagato perchè è il suo mestiere .... e quindi partendo da questo piccolo esempio per quello che mi riguarda sono dell'idea che sarebbero da rivedere esclusivamente le licenze date in appalto a privati ...

aziende di software per piccoli gestionali e fare un piano serio di risparmio ma che non tolga posti di lavoro alle aziende ... io non sono per il risparmio ad ogni costo ... fare l'informatico è il mio mestiere o almeno vorrei che lo fosse ... e mi sentirei denigrato sapendo di dover lavorare gratis peggio sapendo che le aziende non ti assumono perchè non c'è richiesta di software quindi per me questo discorso di tutto libero ... è da prendere con le pinze ...

del resto la mia politica è sempre stata " chi fatica spetta premio " e credo,spero anche la vostra ... quindi non vedo perchè svendere la nostra categoria e mi trovo in pieno disaccordo propongo quindi di :

1) Informarsi bene su quelle che sono le spese sostenute dal comune di avellino per il pagamento annuale dei software

2) inutile cambiare tutto partendo dal sistema operativo perché quelle sono licenze già acquistate non li ridanno mica indietro quei soldi li eh

3) Cercate di capire il mio discorso perchè ad oggi il campo dell'informatica è l'unico che offre un'alternativa gratuita cosa che in tutti gli altri campi non avviene ... io non sono uno di quelli che come la apple ti dice quella cosa me la devi pagare 10 volte il suo valore .... no io vi ripeto sono per il giusto ma che sia giusto e non niente !!!
Gerardo Serino
 
Messaggi: 10
Iscritto il: aprile 9th, 2013, 3:34 pm

Re: L' open source e le PA - I casi di successo

Messaggioda g.deguglielmo » aprile 16th, 2013, 11:10 am

In realtà l' open source toglie soldi alle multinazionali e ne permette l' investimento (seppure solo in parte, altrimenti non ci sarebbe risparmio) in aziende / consulenti / tecnici / programmatori locali.

L' open source non è chiedere di lavorare gratis alla gente, ma piuttosto lavorare insieme per trarne benefici comuni.

1) Sicuramente d' accordo con la richiesta del dettaglio delle spese

2) le licenze sono annuali, quindi al massimo entro un anno sono da rinnovare

3) come già detto poco sopra, l' utilizzo dell' open source permette di investire sul locale il risparmio ottenuto
Giuseppina De Guglielmo
g.deguglielmo
Site Admin
 
Messaggi: 54
Iscritto il: aprile 4th, 2013, 1:55 am

Re: L' open source e le PA - I casi di successo

Messaggioda Gerardo Serino » aprile 16th, 2013, 11:26 am

ecco bravissima hai colto in pieno quello che intendevo quando ho detto che era da prendere con "le pinze"
Gerardo Serino
 
Messaggi: 10
Iscritto il: aprile 9th, 2013, 3:34 pm


Torna a Connettività

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti