Pubblicazione proposte del gruppo Connettività

I membri: Giuseppina De Guglielmo, Mario Festa, Piero Langastro, Giuseppe Martorano, Nicoletta Ricciardelli, Gerardo Serino.

Pubblicazione proposte del gruppo Connettività

Messaggioda Gerardo Serino » aprile 17th, 2013, 1:46 pm

Open source nelle P.A.


Considerando l' articolo 68, comma 1, del Codice dell' amministrazione digitale, che invita le PA a considerare l' acquisizione alternativa del codice open source laddove ci siano esigenze di nuovo software, e a scegliere codice proprietario solo nel caso in cui non ci siano alternative meno onerose e prendendo atto della possibilità di attingere, vista la norma vigente, al database di applicativi sviluppati dalle altre PA italiane, il Movimento Cinque Stelle, propone:

la migrazione graduale verso il codice aperto e libero.

I vantaggi del codice aperto sono riscontrabili nella condivisione del software tra tutte le PA italiane, nel risparmio sui costi delle licenze e sulla maggiore efficienza della gestione informatizzata.

A fronte del risparmio ottenuto, si prevede un investimento di parte della somma nella formazione del personale e soprattutto nella consulenza/assistenza da parte delle risorse locali (aziende, tecnici, programmatori, etc.)


Wifi Libero

La partecipazione è strettamente connessa alla possibilità di informazione delle persone. Sicuramente lo strumento di informazione libera più rilevante è la rete. Dare a tutti la possibilità di utilizzare la Rete in maniera gratuita è una delle prerogative del M5S.
Pertanto ci proponiamo di:
attivare nelle aree pubbliche e di interesse il wifi libero e gratuito.

Le aree individuate corrispondono agli attuali punti di aggregazione, quali piazze e strade principali in centro ed in periferia.

Ciò potrebbe comportare un ripopolamento dei luoghi di interesse anche e soprattutto nelle zone periferiche nelle quali sarà disponibile il servizio, contribuendo così anche ad una maggiore partecipazione della collettività alla vita della città.


Mediateche Comunali e Centri di raccolta/rigenerazione attrezzature informatiche

Considerando la presenza di 6 mediateche comunali create con soldi pubblici nel 2008 con il progetto “Scuola Interattiva” ad oggi non fruibili né funzionali, il M5S propone:

la immediata apertura e/o riapertura dei suddetti centri alla comunità e la creazione al loro interno di centri di raccolta e rigenerazione di attrezzature informatiche dismesse pubbliche e private.

Le mediateche costituiranno un punto di incontro per le nuove e le vecchie generazioni, la comunità avrà a disposizione attrezzature informatiche e personale qualificato per migliorare e/o acquisire competenze informatiche.
La raccolta di attrezzature dismesse favorirà il recupero di materiale che altrimenti finirebbe in discarica e l' accesso a tale materiale, reso funzionante, da parte di chi ne avesse le esigenze e inoltre potrà garantire una piccola fonte di ricavo da reinvestire per la gestione del centro.
Gerardo Serino
 
Messaggi: 10
Iscritto il: aprile 9th, 2013, 3:34 pm

Torna a Connettività

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite